4- Pubblicazioni

 

 

 

Simposio internazionale del “Savoir-faire” e degli Antichi Mestieri di Tlemcen e la sua regione.

Esposizione di Mohammed Talhaoui, creatore de “la Biblioteca del Linguaggio Ornamentale” 

 

 

        

 

 

E’ in occasione dell’esposizione dal titolo “L’arte ornamentale: ricerche ed applicazioni” organizzata nella cornice del simposio internazionale sugli antichi “Savoir-faire”di Tlemcen e della sua regione, tenutosi dal 2 al 4 luglio scorsi, che il Sig. Mohammed Talhaoui, artigiano e ricercatore di arte ornamentale, ha presentato il progetto di realizzazione di una biblioteca comprensiva di tutti i motivi architettonici presenti nel patrimonio nazionale.
“Il patrimonio islamico rimane una delle meraviglie del patrimonio universale” ha sottolineato l’artista nell’introduzione. Ed ha aggiunto: “Infatti ci è stato dato modo di constatare, dal lavoro che stiamo svolgendo da diversi anni, in che misura il genio umano ha contraddistinto questo periodo della storia”. “Man mano che contemplavamo le opere dell’arte islamica, la necessità di comprendere questa “lingua” ornamentale diventava un imperativo. E’di fronte al fascino che abbiamo provato per la precisione delle regole di questa lingua, che è germogliata l'idea di insegnare le fondamenta di quest’arte ornamentale.” ha confidato.
A questo proposito, si deve sapere che il Sig. Mohammed Talhaoui ha al suo attivo una decina di schede tecniche di questo genere, vere e proprie “carte d’identità” di questi motivi artistici. Da qui la necessità, dal suo punto di vista, di mettere in piedi uno spazio che potrebbe riunire tutte queste leggi, così come le loro applicazioni, attraverso il mezzo di ciò che lui definisce una: “Biblioteca del linguaggio ornamentale”, che permetterà di offrire una lettura più agevole di quel linguaggio, nella sua espressione dei concetti del bello e dell’estetica. Per il suo ideatore, questo progetto culturale ha come obiettivi, o piuttosto come ambizioni, quelli di recensire, classificare e protocollare il linguaggio ornamentale; la conservazione del linguaggio come contributo e apporto al patrimonio immateriale universale; la costituzione di una banca dati, a partire dai rilievi effettuati, più esaustiva possibile; di offrire la possibilità di assistenza in tutti i lavori di creazione o di restauro così come la successiva pubblicazione di questi studi, arricchiti da dettagli grafici, anche attraverso l’uso ottimale dei progressi tecnologici. Da segnalare che Mohammed Talhaoui dirige lo studio “Khatt” situato a derb Hlaoua a Bab el Djiad. Si deve inoltre sapere, a questo proposito, che è grazie a questo amante del patrimonio che la Tachfiniya è uscita dall’anonimato, poichè è stato ancora una volta lui ad aver avuto l’idea di far risorgere nel 2006 questa porta del passato per ricostruirla fedelmente nel suo luogo originario, cioè di fronte alla Grande Moschea di Tlemcen, in Piazza Emir Abdel Kader, in modo da farne una porta della memoria di 5,28 metri di larghezza e 10,08 metri di altezza.” (Una copia decora l’entrata dell’Ufficio del Turismo di Tlemcen).

Allal Bekkai

 

 

 

Articolo sulla “Biblioteca del Linguaggio Ornamentale" pubblicato sulla rivista “El legado andalusi

N°42 –El legado andalusi, una sociedad mediterrànea

  

  Riconoscimenti e Gratitudine a:

Jorge Bolaños, Professore presso l’Università di Granada, per il suo contributo all'articolo

Ana Carreño, Direttrice della rivista "El Legado Andalusi"

 

 

                 
             

 

 

  scaricare il pdf

 

  

Tesi di Dottorato

 in cui Yusuf Adams menziona il lavoro sul linguaggio ornamentale da noi intrapreso

 

 

 

 

 

               scaricare il pdf

 




Design : VITAMINEDZ